Al MARCA di Catanzaro il legame uomo-natura nella personale fotografica di Giuseppe Lo Schiavo

Giuseppe Lo Schiavo, mostra "Genesis", MARCA, Catanzaro (22 settembre - 17 novembre)

Giuseppe Lo Schiavo, mostra “Genesis”, MARCA, Catanzaro (22 settembre – 17 novembre 2018)

di Redazione FdS

Il 22 settembre alle ore 19.00, presso il Museo Marca di Catanzaro si inaugura “Génesis” la mostra personale dell’artista fotografo Giuseppe Lo Schiavo a cura del critico d’arte Roberto Sottile. L’evento realizzato in collaborazione con l’Amministrazione Provinciale di Catanzaro e la Fondazione Rocco Guglielmo è costruito attorno alla complessa ricerca di Giuseppe Lo Schiavo che attraverso la fotografia si pone l’obiettivo di raccontare il rapporto-legame tra uomo e natura.

“Una ricerca, una connessione – scrive Roberto Sottile nel testo del catalogo edito da Silvana Editoriale – in cui l’uomo sta alla natura come la natura sta all’uomo; entità che vivono simultaneamente, nello stesso tempo e nello stesso momento perché fanno parte di quell’insieme, di quel ciclo della vita che genera creazione e diventa realizzazione e correlazione; interdipendenza che “procrea” e si trasforma nell’opera della vita che determina tutti gli insiemi di quello che possiamo definire ecosistema, cioè l’insieme degli organismi viventi e della materia non vivente, che interagiscono e costituiscono un sistema autosufficiente e funzionale. Senza distinzione alcuna. Nè variabili. La fotografia diventa in questo processo di “genesi” il risultato finale, il mezzo naturale; memoria, con la quale catturare un istante capace di condurci “oltre”. Trasgredire, mettersi in gioco, senza spezzare quell’equilibrio e quell’armonia eloquente, che appartiene al “carattere” genetico e all’identità dell’uomo, che l’artista trasferisce nei suoi lavori, come il risultato di una armonizzazione di idee. Un viaggio eccitante, intrapreso dalla necessità di capire; di ritrovare quelle credenziali essenziali nel rapporto-scontro tra uomo e natura. Decodificare questo legame significa riuscire a comporre quella connessione congenita che è alla base della nostra interazione reciproca, con il tempo e con lo spazio che ci circonda. Giuseppe Lo Schiavo ci propone una prospettiva antropologica che si realizza nella sua ricerca e nella sua poetica attraverso la sacralità del legame inscindibile tra uomo e natura”.
 

Etna, serie Wind Sculptures, 2017

Etna, serie Wind Sculptures, 2017

“Assistiamo – continua Sottile – ad una trasformazione del paesaggio. Una nuova nascita. Un cambiamento naturale che segue le regole di due forze che apparentemente si oppongono e competono l’una sull’altra per poi congiungersi e diventare una sola energia. Il risultato è un complesso di elementi, struttura perfetta che l’artista ferma nell’immagine fotografica. Istanti di un ciclo naturale che dialogano e parlano il linguaggio universale. L’uomo è creatività. Esso appartiene alla natura perché la natura è l’insieme di tutto ciò che esiste; ne conosce i principi attraverso le sue azioni, ne conosce le sue decisioni e le sue idee. La sua creatività interagisce nel tempo che regola gli attimi infiniti del processo naturale di creazione, che è alla base della scintilla della vita. Genesi, materia e spirito. Un dialogo che l’artista costruisce nella sua visione, e ci restituisce tramite la fotografia; algoritmo perfetto che coniuga attimo, tecnica ed istinto. Una ricerca artistica dai risvolti filosofici-genetici che diventa cardine essenziale dove condividere memoria, cioè quella conoscenza che ci circonda, a cui apparteniamo.”

Museo MARCA, Catanzaro
Via Turco 63
dal 22 settembre al 17 novembre 2018
Inaugurazione sabato 22 settembre ore 19.00
Visitabile dal martedì alla domenica, dalle 9.30 alle 13.00 – dalle 15.30 alle 20.00
Info: www.museomarca.info

IL LUOGO

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

quattordici − sei =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su