A Reggio Calabria grande mostra dedicata a Paolo Orsi pioniere dell’archeologia tra Calabria e Sicilia

Paolo Orsi, alle origini dell'archeologia tra Calabria e Sicilia (Reggio Calabria, 3 Luglio - 8 Settembre 2019)

Paolo Orsi, alle origini dell’archeologia tra Calabria e Sicilia (Reggio Calabria, 3 Luglio – 8 Settembre 2019)

Oltre 230 i reperti in esposizione in un percorso storico-biografico-tematico in forma transmediale

di Redazione FdS

Paolo Orsi

Paolo Orsi

Si annuncia come l’evento culturale della stagione in Calabria, la mostra “Paolo Orsi. Alle origini dell’archeologia tra Calabria e Sicilia”, che si inaugura mercoledì 3 luglio, alle ore 17.30, e rimane aperta fino all’8 settembre, presso il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. L’esposizione, la prima a Reggio in omaggio all’illustre archeologo, considerato tra i padri della ricerca archeologica in età moderna, è a cura di Carmelo Malacrino, direttore del MArRC, e Maria Musumeci, già direttore del Museo Archeologico Regionale “Paolo Orsi” di Siracusa.

La mostra è il risultato della felice collaborazione tra i due principali Musei archeologici di Calabria e Sicilia su un progetto co-finanziato dalla Regione Calabria, nell’ambito di un programma europeo di valorizzazione del sistema dei Beni Culturali e per la qualificazione e il rafforzamento dell’attuale offerta culturale in Calabria.

Fu proprio Paolo Orsi a volere fortemente un Museo della Magna Grecia che accogliesse in un’unica collezione i reperti provenienti dagli scavi in tutta la regione. Da questo progetto nacque il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, dopo il terremoto del 1908, dalla fusione del Museo Statale con il Museo Civico. Le ricerche di Orsi e la sua attività di scavo si svolsero principalmente tra Calabria e Sicilia e riguardarono tutte le più importanti fasi della storia antica e medioevale, riassunte nelle cinque sezioni espositive della Mostra, che ospitano oltre 230 reperti in un percorso storico-biografico-tematico in forma transmediale, per offrire un’esperienza di visita accogliente, inclusiva e coinvolgente per un pubblico differenziato.

Due reperti di punta dei due istituti museali organizzatori, scelti come testimonial della campagna di comunicazione, danno il benvenuto agli ospiti all’ingresso alla Mostra, per introdurli al fascino senza tempo di un viaggio straordinario sulle orme biografiche e professionali di Paolo Orsi in Calabria e Sicilia. Sono due capolavori dell’arte greca occidentale, entrambi datati V secolo a.C: il meraviglioso complesso statutario del Cavaliere di Marafioti, della collezione del MArRC, e la seducente seppur mostruosa Gorgone-Medusa, bene culturale del patrimonio archeologico del Museo siracusano.
 

Il Cavaliere di Marafioti, terracotta, Locri, V sec. a.C. – Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

Il Cavaliere di Marafioti, terracotta, Locri, V sec. a.C. – Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

“Siamo molto soddisfatti di questa Mostra, che onora Paolo Orsi presentandolo nella sua complessità di intellettuale, archeologo, studioso dell’antichità, con un metodo di ricerca che è ancora oggi un modello per tutti”, dichiara il direttore del MArRC e co-curatore della Mostra Carmelo Malacrino. “Orsi è il “padre” del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. Per primo intuì la necessità di creare un luogo di riferimento per la costruzione di una sola identità culturale calabrese. Fu un innovatore. Comprese che tutela e valorizzazione sono due aspetti di una sola missione di sviluppo culturale. Tra i meriti riconosciuti all’archeologo di Rovereto – aggiunge Malacrino – vi è quello di avere ricostruito le strette relazioni tra Calabria e Sicilia nel corso dei secoli, fin dall’antichità. Questa Mostra conferma una felice collaborazione con il Museo Archeologico di Siracusa intitolato allo stesso Orsi, che spero continui nel tempo producendo frutti altrettanto positivi. Ringrazio la Regione Calabria, che sostenendo l’iniziativa ha reso possibile la realizzazione di questo progetto. Sono certo – conclude il direttore – che il pubblico apprezzerà l’affascinante viaggio alle origini delle culture mediterranee sulle tracce di Paolo Orsi”.

È disponibile per i visitatori un servizio di audioguide in quattro lingue (italiano, inglese, francese, spagnolo), in 12 tracce, per un viaggio a ritroso nel tempo per conoscere la vita biografica e professionale di Paolo Orsi, per comprenderne meglio l’importanza nel mondo dell’archeologia e della cultura e per scoprire alcuni eccezionali “tesori” di Calabria e Sicilia.

Una lavagna interattiva offre un’esperienza personalizzata in una rete di percorsi tematici, per conoscere meglio il lavoro dell’archeologo e gli strumenti che usa, il contesto storico e sociale in cui operò l’illustre archeologo cui è intitolata la Mostra, ruoli e istituzioni nell’ambito dei Beni Culturali, le collezioni dei due principali Musei della Calabria e della Sicilia organizzatori, i luoghi in cui avvennero i ritrovamenti di Orsi e le civiltà che le abitarono.

Il catalogo della Mostra accoglie i contributi degli specialisti in un approfondimento tematico delle sezioni e dei reperti in Mostra. Il corredo iconografico comprende fotografie originali dell’archivio del MArRC.

Tra le autorità che interverranno alla cerimonia inaugurale, il Prefetto di Reggio Calabria Massimo Mariani, il Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, il Presidente del Consiglio Regionale Nicola Irto, l’Assessore Regionale all’Istruzione, Attività Culturali, Università e Alta Formazione Maria Francesca Corigliano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Museo Archeologico Nazionale, Reggio Calabria
P.zza De Nava 26
Inaugurazione 3 Luglio 2019 ore 17.30
Orario di apertura:da Martedì a Domenica 9.00-20.00
Chiuso il Lunedì
Orario biglietteria: 9.00-19.30
Info: 0965 613988 – 617612
IL LUOGO

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

14 − sette =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su